Come la Disney mi ha fatto e, tutt’ora, mi fa crescere (di illusione in delusione)

La bella e la bestia

La recente uscita del film “La bella e la bestia”, mi ha fatto giungere alla conclusione che effettivamente la Disney mi ha segnata fin dall’infanzia.

Mi ha insegnato i valori che ispirano la mia persona, ha alimentato una serie di mie false convinzioni e, grazie a film come questo, tutt’oggi mi educa. La nostra generazione, quella dei VHS guardati fin quando le righette viola e le ondine in fondo a destra cominciavano ad allargarsi dal minuto 67 a tutta la pellicola, lo sa: Walt è un padre… ingannevole.

In primo luogo ci tengo a precisare che questo rimaneggiamento del cartone non era richiesto: ce lo dobbiamo ingoiare solo perchè quella stronzetta è cresciuta e senza capelli crespi da maghetta adesso tutti dobbiamo notare che è figa

Tuttavia, questo film che definirei “insufficiente” mi ha dato la spunto per identificare in cosa mi ha illuso già solo “La bella e la bestia”, come cartone, senza allargarmi agli altri capolavori Disney.

Come “La bella e la bestia” mi ha illusa durante l’infanzia:

1.Tutto ha un lieto fine

L’importante è che ci siano Gino Paoli e Amanda Sandrelli che ti ricordino con sonorità da midi anni ’80 che “quando sembra che non succeda più, ti riporta via come la marea la felicità”.

2. Per diventare grossi bisogna mangiare quattro o cinque dozzine di uova

come fa “la fossetta più sexy sul mento, Gaston”, ma il tutto a scapito del cervello. Quindi se è fisicato fatti delle domande.

3. C’è gente semplicemente nervosa a cui è meglio non far girare le palle.

Sta cazzo di bestia si incazza facile, non c’è molto da dire. Non si sa perchè, anche se l’aspetto concilia di sicuro, all’inizio è proprio uno stronzo. Applicare cautela.

4. L’amore cambia le persone.

E invece no, era uno stronzo malefico ma poi è diventato un cucciolone adorabile che manco Teddy Bear.

5. Non giudicare dall’aspetto

Questo è l’insegnamento più importante, la vera morale: non pregiudicare un uomo peloso e gobbo come la bestia perchè se tu lo ami e glielo dici piangendo sul suo corpo abbattuto, una serie di spade laser lo trapasseranno e te lo restituiranno bello, spallato, con gli occhi grandi e gentili (anche se col nasone) e i capelli lunghi da vero surfer figo.

Come la vita e il nuovo film “La bella e la bestia” mi hanno deluso:

1.Tutto ha un lieto fine

Mai sentito parlare di una cosa che si chiama “Maiunagioia”?

2. Per diventare grossi bisogna mangiare quattro o cinque dozzine di uova.

Verità assoluta: sono uscita con un fidanzato body builder e confermo tutto dalle uova alla scemenza.

3. C’è gente semplicemente nervosa a cui è meglio non far girare le palle.

Dietro l’irascibilità ci sono, però, sempre storie di abuso o soprusi familiari nella prima infanzia.

4. L’amore cambia le persone.

Ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahhahahaahahahhahahahahahahaah. Ecco.

5. Non giudicare dall’aspetto.

Si ok, ma ci avevate promesso un maschio alpha, alto possente e con lo stacco di clavicola, non questo metro-sexual! … Le persone deludono. La vita delude.

In cosa mi avete fatto credere:

bello bestia

Cosa mi avete dato:

brutta bestia

VERGOGNA!!! NON SI DELUDONO COSì MILIONI DI BAMBINE INNOCENTI!

Vuoi conoscere altre cocenti delusioni della vita? Leggi gli articoli di “Lo chiamavano Maschio Alpha”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *